Trivellazioni, l’on. Luciano Agostini d’accordo coi Sindaci della Vallata del Tronto

Trivellazioni-petrolifereIn merito alla vicenda delle trivellazioni, mi trovo assolutamente d’accordo con quanto sostenuto dai sindaci della Vallata del Tronto.

Non si tratta, naturalmente, di un problema ideologico ne di principio, ma di una visione assolutamente pragmatica che tiene conto della realtà ambientale ed economica locale: il nostro territorio si è ormai infatti, da anni, qualificato come un comprensorio di notevole pregio per la presenza di colture agricole di grande qualità, in particolare, del settore vitivinicolo. Un assetto quindi che va attentamente preservato e non può essere compromesso da iniziative che potrebbero turbarne l’equilibrio. Per queste ragioni, ritengo che sia sbagliata la perimetrazione effettuata, seppure a livello di studio, sulla nostra zona per la ricerca di idrocarburi.

Inoltre, la voce diffusasi in questi giorni riguardo alla circostanza che il decreto cosiddetto “Sblocca Italia” avrebbe in qualche modo favorito l’avvio delle trivellazioni è una semplificazione non accettabile, in quanto le norme contenute nel provvedimento sono di carattere generale e tendenti, esclusivamente, a snellire gli obblighi burocratici: pertanto, anche alla luce di queste considerazioni, sostengo “senza se e senza ma” la posizione dei sindaci della Vallata del Tronto e, per questo, insieme a loro presenterò un’interrogazione parlamentare affinché il Ministero competente intervenga senza indugio sull’ individuazione di una nuova perimetrazione che escluda la zona ambientalmente ed economicamente di pregio.

A tale riguardo va tutta la mia più profonda considerazione e ammirazione per il lavoro che i comitati costituitisi stanno facendo auspicando, però, che queste iniziative non possano indurre qualcuno a strumentalizzare politicamente o a fini di parte questa delicata vicenda. Oltre alla presentazione dell’interrogazione parlamentare sulla specifica situazione rimango, ovviamente, a completa disposizione a anche per qualsiasi altro tipo di azione che i sindaci del territorio vorranno intraprendere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *