Incontro con i lavoratori Haemonetics

haemonetics lavoratoriOggi, presso il Comune di Appignano del Tronto, una nutrita rappresentanza di dipendenti della Haemonetics ha incontrato l’on. Luciano Agostini per illustrare la drammaticit à della situazione che vedrebbe chiudere l’azienda il prossimo primo di agosto. Ciò comporterà il licenziamento dei 185 dipendenti, prevalentemente donne. “Una decisione piuttosto anomala” commenta Agostini “perchà © da quanto so non c’è una crisi produttiva determinata da eventuali perdite di mercato ma siamo di fronte solo ad una ristrutturazione generale del gruppo alla quale però si sacrificano i lavoratori. La cosa è ancora più stupefacente se si pensa che solo pochi mesi fa, con tanto di mega conferenza stampa, il Presidente dell’Associazione Industriali di Ascoli ed i vertici di alcune istituzioni locali definivano la Haemonetics un’azienda da prendere a modello per capacità produttiva ed occupazionale. Evidentemente o si tentava di buttare fumo negli occhi o si parlava di una realtà che non si conosceva. Oggi probabilmente gli stessi soggetti proporranno un’altra speculazione edilizia di centinaia di migliaia di metri cubi per fronteggiare anche questa crisi aziendale. Purtroppo ci troviamo di fronte ad una questione molto seria che si somma alle enormi difficoltà che il Piceno in questi anni è costretto a sopportare.” Durante l’incontro si è concordato che l’onorevole, già nella giornata di martedì, incontrerà il capo della Segreteria del Ministro Zanonato insieme al dott. Castano, Coordinatore dell’Unità delle Crisi Aziendali del Ministero dello Sviluppo Economico, “ per tentare di costituire presso lo stesso Ministero un tavolo coordinato da quest’ultimo ma con la presenza della proprietà dell’azienda, dei rappresentanti dei lavoratori e delle istituzioni locali per tentare un accordo che scongiuri la chiusura dello stabilimento o in alternativa consenta di ottenere gli ammortizzatori sociali in deroga per tutelare i lavoratori già duramente provati da 3 anni di contratti di solidarietà. Nello stesso incontro” dice Agostini “chiederò di riattivare il Protocollo d’Intesa Valle del Tronto/Val Vibrata e di trasformarlo in Accordo di Programma su una idea di sviluppo che il territorio dovrà costruire. È ora che sul tema del lavoro si passi dalle generiche e superficiali enunciazioni di rito a proposte e misure concrete, come quelle contenute nei due Decreti recentemente emanati dal Governo, su queste ultime la politica e le aziende dovranno misurarsi per trovare risposte concrete. Il Deputatocoglie l ’occasione per chiarire che non ha partecipato alla conferenza stampa indetta dal segretario regionale del PD Ucchielli solo perché era ad un incontro con le Associazioni rappresentanti dell’artigianato, finalizzato al rifinanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga e specifica “ preferisco occuparmi di problemi concreti, anche se di difficile soluzione, così come ha fatto con serietà il PD provinciale in questi anni, piuttosto che partecipare ad inutili e generiche iniziative. Sempre più si rafforza in me l’idea, già peraltro espressa all’indomani delle elezioni politiche che hanno visto una forte battuta d’arresto del PD nelle Marche, che nel prossimo congresso, anche a livello regionale , si dovrà produrre una forte innovazione del metodo, dei programmi e delle persone.” L’onorevole Agostini aggiunge “mi preme sottolineare che le notizie riportate sulla stampa circa incontri, cene, accordi ecc ai quali io avrei partecipato sono prive e destituite di ogni fondamento. Basta con la caccia alle streghe, basta con i pettegolezzi di basso profilo, basta con il fango. Aggiungo infine che anche io penso che il PD non possa appoggiare la candidatura di chiunque abbia avuto un qualche ruolo nella amministrazione Castelli. Il PD di Ascoli deciderà, in piena autonomia, sia come realizzare lo schieramento più ampio possibile che le personalit à che lo potranno rappresentare per battere Castelli ed il centro destra.

Ascoli Piceno 29/06/2013

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *